Torna al blog

Corpo passante no problem

1'05"

Spesso nella progettazione di una nuova costruzione interrata in presenza di falda si focalizza l’attenzione sul prodotto che disponga delle migliori performance in termini di caratteristiche tecniche, chimiche e fisiche e quindi in grado di proteggere al meglio l’edificio nella sua vita utile.

Si tende quindi a valutare la sezione corrente lasciando in tempi successivi (fasi cantieristiche) e agli installatori specialisti (quando presenti) la gestione e la scelta della migliore modalità di sigillatura di aspetti altrettanto decisivi per la tenuta stagna dell’intero ambito interrato, quali ad esempio i corpi passanti.

E’ pur vero che l’adozione di sistemi idro-reattivi, può certamente facilitarne la gestione e la sigillatura anche in fasi postume, tuttavia una previsione organica delle varie discontinuità può sicuramente abbattere le variabili legate all’improvvisazione di cantiere.

Le vie preferenziali

Senza considerare le tubazioni (pre o post- getto), proviamo a considerare quanto gli elementi più semplici, come distanziali o lame tendi cassero, possano risultare, se non adeguatamente presidiati, dei corpi passanti l’impermeabilizzazione, vie preferenziali quindi per l’ingresso d’acqua.

La modalità sigillatura di questi elementi dovrebbe essere prevista già in fase preliminare, adottando gli appositi presidi e permettendo quindi l’ottenimento della continuità del sistema impermeabilizzante requisito imprescindibile quando si affronta un ambito interrato con presenza d’acqua.

I corpi passanti l’impermeabilizzazione possono essere, come appena rammentato, di natura impiantistica (tubazioni), legati alle metodologie costruttive (distanziali) o inoltre legati ad aspetti strutturali.

In determinati ambiti di nuova costruzione non è insolito affrontare interferenze quali teste palo, micro-pali, puntoni o tiranti che puntualmente e ricorsivamente possono rappresentare un punto di by-pass.

La protezione totale

Negli ambiti esistenti soggetti a infiltrazioni che si vogliono recuperare e valorizzare oppure in invasi o piscine (skimmer, etc) può presentarsi ricorrente tale tematica la quale, affrontata in tempo utile e con metodologie idro-reattive specifiche e ben collaudate consente di poter generare la totale protezione dell’ambito interrato.

Esempio di sigillatura corpo passante con mastice idroespansivo

Esempio di sigillatura corpo passante con adesivo epossidico e nastro elastico

Prodotti associati all'articolo

Akti-Vo 201

Mastice idroespansivo di gomma sintetica.

I-Plug

Malta ultrarapida impermeabile.

Bi Flex System

Nastro elastico a base di polimeri TPE e adesivo epossidico per l’incollaggio.

Gli altri articoli correlati

Progettazione

Il consumo di suolo è inarrestabile

E’ un dato di fatto, il consumo di suolo è inarrestabile e nemmeno lo stop imposto dalla pandemia è riuscito a fermarlo […]

1'30"
Progettazione

Stilata la graduatoria dei progetti ammessi al finanziamento da 3,2 miliardi di euro

Sono 271 i progetti presentati da Regioni, Comuni e Città Metropolitane, ammessi al finanziamento del Programma nazionale […]

1'30"
Riqualificazione, Ispirazioni, Case History

A Marsaskala una villa ottocentesca diventa un boutique hotel

Recente intervento d’impermeabilizzazione e risanamento di una costruzione che fa parte dei più antichi insediamenti del “Villaggio di Marsaskala” nel Sud di Malta […]

1'15"
Ispirazioni

Shaaran Resort, un resort nella pietra

Il nuovo concetto di design di Jean Nouvel rivela una nuova era dell’architettura: un resort di “prima classe”, il primo al mondo, costruito sulle montagne della Riserva Naturale Sharaan ad Al-Ula. […]

1'
Ispirazioni

L’incredibile Montreal sotterranea

Una rete di tunnel sotterranei di 3,6 milioni di metri quadrati di superficie con oltre 155 porte, 1.615 alloggi e 10.000 parcheggi coperti a due passi dalle gallerie […]

1'
Contattaci su WhatsApp Contattaci via CHAT Chiedi una consulenza