Volteco
Torna al blog

L’impermeabilizzazione protettiva, resistente e duratura

1'

Nella realizzazione di impermeabilizzazioni interrate, per definizione non più ispezionabili, il manto protettivo deve presentare caratteristiche congruenti con la vita utile dell’opera ed avere proprietà che ne massimizzino l’affidabilità.

Innanzitutto il manto impermeabile deve, ovviamente, isolare la struttura dall’esterno, posizionandosi, quindi, prima dei getti orizzontali, tra quelli verticali ed il terreno o l’opera provvisionale.

L’impermeabilizzazione, infatti, viene posata in un ambiente certamente difficile, in presenza di fango, acque meteoriche, ferri d’armatura, chiodi…

In cantiere, le migliori soluzioni teoriche possono risultare dei veri e propri fallimenti, mentre piuttosto, funzionano egregiamente sistemi nati dall’attività in cantiere ed ingegnerizzati, sviluppati grazie al quotidiano confronto con gli aspetti pratici evidenziandone gli aspetti funzionali ed il risultato.

Un manto impermeabile pre-getto deve essere calpestabile, avere caratteristiche meccaniche di resistenza a trazione ed urto congrui con le operazioni normalmente e quotidianamente effettuate sopra di esso da tutte le maestranze ivi preposte.

Stiamo parlando di operatori che lavorano con martelli e chiodi, di ferraioli che utilizzano barre d’acciao e fil di ferro, di carpentieri che maneggiano assi di legno e casseri…

La resistenza di un manto deve comprendere quindi la sua pedonalità, la capacità, cioè, di resistere alla presenza di ferri e chiodi che, se calpestati, possono infiggersi nel manto stesso, causandone il mancato funzionamento.

Ottenere in queste condizioni la tenuta idraulica, nel caso di impermeabilizzazioni interrate, è un problema di grande difficoltà già rilevato negli ultimi cinquant’anni, non essendo i manti applicati ispezionabili successivamente, quindi meno che meno riparabili a posteriori.

Viste tali problematiche molto spesso è buona pratica l’applicazione di una soletta protettiva avente le stesse caratteristiche dei getti, in modo da proteggere il manto impermeabile dalle successive lavorazioni.

Tali aspetti fanno preferire senza dubbio alcuno quindi soluzioni a base bentonitica, che sfruttando il principio della bentonite di sodio naturale e la sua enorme espandibilità rendono queste impermeabilizzazioni affidabili nel tempo oppure membrane impermeabili in epdm, reattiva al contatto con l’acqua e auto-agganciante al calcestruzzo che danno enorme durabilità.

Applicate direttamente sul magrone, quindi con un notevole vantaggio in termini di tempo, non soffrono di eventuali danneggiamenti di cantiere grazie alla caratteristica unica di auto-riparabilità.

L’assenza di trasmigrazione interfacciale poi, altra caratteristica comune, evita il passaggio d’acqua tra impermeabilizzazione e struttura, come normalmente avviene per qualsiasi membrana o guaina di tipo tradizionale.

Questo fattore consente l’individuazione puntuale del problema eventuale (es. errori di posa, danneggiamenti importanti) che non si trasferisce ad ogni porosità o discontinuità del getto ed il conseguente intervento con sigillature localizzate o iniezioni espansive di riparazione a posteriori.

Queste caratteristiche di questi specifici prodotti hanno reso garantibile e assicurabile un lavoro che normalmente costituisce oltre il 50% delle contestazioni in edilizia.

Esempio di membrana Amphibia in platea

Esempio di membrana Amphibia a protezione dei muri

Prodotti associati all'articolo

Amphibia 3000 Grip

AMPHIBIA 3000 GRIP è una membrana impermeabile in epdm, reattiva al contatto con l’acqua, autoriparante, autosigillante e autoagganciante al calcestruzzo.

Volgrip HP – High Performance

Membrana impermeabilizzante bentonitica autoagganciante al calcestruzzo accoppiata a membrana MDPE.

Gli altri articoli correlati

Progettazione

Il consumo di suolo è inarrestabile

E’ un dato di fatto, il consumo di suolo è inarrestabile e nemmeno lo stop imposto dalla pandemia è riuscito a fermarlo […]

1'30"
Progettazione

Stilata la graduatoria dei progetti ammessi al finanziamento da 3,2 miliardi di euro

Sono 271 i progetti presentati da Regioni, Comuni e Città Metropolitane, ammessi al finanziamento del Programma nazionale […]

1'30"
Riqualificazione, Ispirazioni, Case History

Nuovo intervento di impermeabilizzazione per Volteco e il suo Team su un immobile residenziale a Forte dei Marmi

La necessità di un intervento specialistico di riqualificazione degli ambienti interrati e seminterrati di una prestigiosa villa toscana […]

1'15"
Riqualificazione, Ispirazioni, Case History

Volteco per Pharmanutra: sistemi impermeabilizzanti per una riqualificazione funzionale ed energetica

Volteco è stata scelta dalla società farmaceutica Pharmanutra di Pisa per fornire sistemi impermeabilizzanti nell’ambito della riqualificazione […]

1'15"
Riqualificazione, Ispirazioni, Case History

Intervento di impermeabilizzazione per la riqualificazione di un bunker storico

Il progetto di Studio Archea trasforma un maestoso bunker della Seconda guerra mondiale in una prestigiosa sala espositiva. […]

1'15"
Contattaci su WhatsApp Whatsapp informativa privacy Whatsapp Contattaci via CHAT Chat informativa privacy Chat Chiedi una consulenza Consulenza