Volteco
Torna al blog

L’impermeabilizzazione di strutture, anche miste

2'05''

Per rendere impermeabile una struttura interrata è importante intervenire esternamente nel momento della sua realizzazione.

Se questo passaggio non avviene in fase di edificazione, bisogna correre ai ripari con interventi di impermeabilizzazione a posteriori.

La rifodera

Tale operazione in gergo viene chiamata “rifodera” e permette di risolvere i problemi di infiltrazioni d’acqua o umidità intervenendo all’interno dei locali interrati.

L’azione combinata di soluzioni studiate per risolvere i danni causati da umidità ed infiltrazioni d’acqua in ambienti interrati possono dar risposta ad una errata o parziale impermeabilizzazione degli stessi, anche in presenza di falda elevata.

Durante la realizzazione di una rifodera infatti, risulta fondamentale la rimozione di tutte le sovrastrutture interne (intonaci, pavimenti, etc) affinché l’applicazione del sistema impermeabile sia a diretto contatto con le effettive strutture che dovranno essere idonee a resistere all’eventuale spinta idraulica esterna.

Indicativamente, il rivestimento impermeabile interno può essere realizzato con intonaci impermeabili a spessore, opportunamente ancorati al supporto con tasselli e reti in fibra come ripartitori di carico; con rivestimenti elastici, oppure con membrane impermeabili idro-espansive.

Questo garantirà al nostro ambiente interrato salubrità, benessere e completa impermeabilità.

Durante le fasi di cantiere, una considerazione importante va fatta quando le superfici verticali sono realizzate in mattoni e/o pietrame misto, in quanto caso potrebbe rendersi necessario un rinforzo delle stesse per resistere alle spinte idrauliche eventualmente presenti rendendo allo stesso tempo impermeabile l’intera superficie verticale.

La soluzione

In tale situazione l’utilizzo combinato di specifiche malte impermeabili a spessore, coadiuvate dall’installazione di garze elastiche in TPE su giunti e fessure quali zone significative di infiltrazioni e perdite d’acqua, permette di risanare in maniera definitiva e duratura tale problematica, regolarizzando ed impermeabilizzando le strutture nel piano verticale e se necessario anche in quello orizzontale.

Prodotti associati all'articolo

BI MORTAR CONCRETE SEAL

Impermeabilizzante cementizio a cristallizzazione.

BI MORTAR PLASTER SEAL

Intonaco impermeabile a spessore fibrorinforzato.

BI FLEX SYSTEM

Nastro elastico a base di polimeri TPE e adesivo epossidico per l’incollaggio.

PLASTIVO 250

Impermeabilizzante flessibile bicomponente.

Gli altri articoli correlati

Ispirazioni

Aquascud on air!

Nuovo progetto comunicativo per Aquascud di Volteco! Per 5 settimane, a partire dal 24 marzo, su Radio 101, 105 e Radio Montecarlo, è on air la nuova campagna radio a diffusione nazionale […]

1'
Ispirazioni

Partecipazione ed entusiasmo all’evento organizzato da Volteco per il suo Team H2Out.

Grande partecipazione il 22 e 23 febbraio 2024 all’incontro “Accelerando insieme verso nuovi orizzonti” promosso da Volteco per il suo Team H2Out […]

1'
Progettazione, Riqualificazione, Aspetti e soluzioni, Case History

CP1 di Volteco: Massima efficacia anticarbonatante unita a idrorepellenza e traspirabilità.

Cp1 di Volteco nasce nel 2007, dalla collaborazione tra Volteco e l’Università: un lungo lavoro di studio, ricerca e sperimentazione sui copolimeri modificati […]

1'
Progettazione, Riqualificazione, Aspetti e soluzioni, Case History

Le tecnologie Volteco per la riqualificazione dei locali interrati annessi a un condominio a Bari

Le soluzioni Volteco per risolvere i problemi di umidità delle murature: l’intervento di risanamento in un cascinale di inizio 900 […]

2'
Progettazione, Case History

L’esperienza di Volteco nella costa adriatica abruzzese

In questo articolo un’interessante referenza estera di Volteco dove la scelta è ricaduta su Amphibia […]

1'15''
Contattaci su WhatsApp Whatsapp informativa privacy Whatsapp Chiedi una consulenza Consulenza