Torna al blog

Perché il calcestruzzo si fessura?

1'50''

Una delle domande più comuni in edilizia riguarda le fessure che si sviluppano nel calcestruzzo appena realizzato o con i casseri smantellati da poco.

Se preparato correttamente, il calcestruzzo è un materiale durevole e uno dei prodotti più durevoli ma è importante che vengano seguite delle linee guida perché il calcestruzzo stabile, ad alta resistenza e che non si fessura nel tempo è il risultato di un processo ben definito.

Perchè si formano le fessure?

  1. Acqua in eccesso nella miscela

Il calcestruzzo non richiede molta acqua per raggiungere la massima resistenza ma, come spesso accade, se ne viene aggiunta troppa per facilitare la preparazione si rischia di andare a ridurre anche notevolmente la resistenza del calcestruzzo. In questo senso il successivo ritiro è la principale causa di fessurazione perché man mano che il cemento si indurisce e matura, si restringe appunto (fenomeno dovuto all’evaporazione dell’acqua)

  1. Rapida essiccazione del calcestruzzo

Collegato al motivo numero uno va sottolineato che una rapida asciugatura del calcestruzzo aumenterà in modo significativo la possibilità di formazione di crepe, perché la reazione chimica (cosiddetta idratazione), che fa passare il calcestruzzo dallo stato liquido o plastico a uno stato solido, richiede acqua e continua a verificarsi per giorni e settimane dopo aver versato il calcestruzzo.

  1. Utilizzo di un mix design del calcestruzzo non adeguato

Il calcestruzzo è disponibile in diverse tipologie a seconda del tipo di forze a cui sarà sottoposto. In questo senso è fondamentale il mix design adottato per garantire la performance.

  1. Mancanza di giunti di dilatazione

I giunti di controllo aiutano a guidare le fessure del cemento nei punti desiderati e sono dimensionati secondo precise regole strutturali. L’assenza o il dimensionamento sbagliato rappresentano dei motivi sufficienti per la creazione di fessure anche molto importanti.

Ci sono poi numerose altre ragioni legate alla tipologia di terreno, alla geometria utilizzata e alle temperature di applicazione che richiedono la presenza di materiale qualificato e di tecniche precise.

 

Quali sono le tipologie di fessurazioni più diffuse?

  1. Le fessure superficiali si creano sulla superficie e, possibilmente, devono essere riparate se si allargano nel tempo, oltre al fatto che raccolgono sporco e sono solitamente antiestetiche.
  2. Le fessure da ritiro si verificano dopo che il calcestruzzo si è indurito e possono essere ridotte o prevenute con il corretto posizionamento dei giunti di dilatazione
  3. Le fessure di assestamento si verificano di solito quando il terreno su cui poggia la fondazione non è perfettamente stabilizzato
  4. Le fessure strutturali sono larghe e potenzialmente attraversano l’intera struttura richiedendo obbligatoriamente la riparazione

E’ opportuno sottolineare che non tutte le fessure nel calcestruzzo sono gravi da richiedere un intervento di riparazioni.  A che larghezza una crepa nel calcestruzzo diventa un problema? Questa domanda ricorre costantemente ma, sfortunatamente, non esiste una risposta definitiva perchè può variare da una situazione all’altra e tenendo conto che non ci sono standard, linee guida o raccomandazioni che diano una risposta univoca su quali fessure necessitano di riparazioni in base alla larghezza e ad altri fattori.

In generale l’intervento è comunque sempre raccomandabile nei casi di fessure strutturali o di assestamento, affidandosi sempre e comunque ad un professionista esperto.

Le domande in ogni caso da porsi sono le seguenti:

  1. La fessura crea solo sporco o rappresenta anche un problema di manutenzione / risanamento?
  2. La fessura è nascosta o si trova in un’area ad alta visibilità?
  3. La fessura (su una superficie orizzontale) può creare problemi di sicurezza come un rischio di inciampo?
  4. In fondazione, la fessura è sufficientemente larga da consentire infiltrazioni di umidità ed acqua?
  5. La fessura è statica o si sta gradualmente allargando?
  6. La fessura è singola o nel tempo ha creato un reticolo di fessure e cavillature?

Solo partendo da domande mirate e da un’analisi corretta è possibile poi arrivare a soluzioni praticabili e durature, affidandosi sempre a professionisti esperti e qualificati.

Prodotti associati all'articolo

Bi Flex System

Nastro elastico a base di polimeri TPE e adesivo epossidico per l’incollaggio.

Akti-Vo 201

Mastice idroespansivo di gomma sintetica.

I-Plug

Malta ultrarapida impermeabile.

Plastivo 250

Impermeabilizzante elastico bicomponente.

Gli altri articoli correlati

Progettazione

Il consumo di suolo è inarrestabile

E’ un dato di fatto, il consumo di suolo è inarrestabile e nemmeno lo stop imposto dalla pandemia è riuscito a fermarlo […]

1'30"
Progettazione

Stilata la graduatoria dei progetti ammessi al finanziamento da 3,2 miliardi di euro

Sono 271 i progetti presentati da Regioni, Comuni e Città Metropolitane, ammessi al finanziamento del Programma nazionale […]

1'30"
Riqualificazione, Ispirazioni, Case History

A Marsaskala una villa ottocentesca diventa un boutique hotel

Recente intervento d’impermeabilizzazione e risanamento di una costruzione che fa parte dei più antichi insediamenti del “Villaggio di Marsaskala” nel Sud di Malta […]

1'15"
Ispirazioni

Shaaran Resort, un resort nella pietra

Il nuovo concetto di design di Jean Nouvel rivela una nuova era dell’architettura: un resort di “prima classe”, il primo al mondo, costruito sulle montagne della Riserva Naturale Sharaan ad Al-Ula. […]

1'
Ispirazioni

L’incredibile Montreal sotterranea

Una rete di tunnel sotterranei di 3,6 milioni di metri quadrati di superficie con oltre 155 porte, 1.615 alloggi e 10.000 parcheggi coperti a due passi dalle gallerie […]

1'
Contattaci su WhatsApp Contattaci via CHAT Chiedi una consulenza