Torna al blog

Progettare l’impermeabilizzazione: identikit del professionista secondo le norme inglesi

1'10''

Il settore dell’impermeabilizzazione nelle normative inglesi è particolarmente legato al mondo delle assicurazioni e, secondo il tipico approccio anglosassone, viene disciplinato secondo una norma ben precisa (BS 8102-2009).

Proprio perché l’impermeabilizzazione di strutture interrate è particolarmente delicata e soggetta a rischi specifici questa norma è particolarmente dettagliata ed è diventata, anche fuori dal Regno Unito, un modello da seguire per una corretta progettazione dell’impermeabilizzazione. Quali sono i punti salienti di questa normativa?

Innanzitutto, vengono elencati (e raffigurati) le aree da impermeabilizzazione ovvero:

  • interrati
  • semi interrati
  • parcheggi sotterranei
  • fosse ascensore
  • cantine
  • archivi, depositi e aree produttivi
  • spazi di passaggio verso aree interrate
  • platee di fondazione a scalini (in cui ogni scalino sia maggiore di 150 mm).

Vanno inoltre aggiunti muri perimetrali adiacenti alle strutture fuori quota il cui livello della base sia inferiore di 150 mm rispetto alla quota campagna.

 

Una volta definiti gli ambiti di intervento la norma dà delle indicazioni precise su come deve essere fatto il design dell’impermeabilizzazione dove, tra le altre indicazioni, emergono i seguenti aspetti:

  1. dovrebbe essere realizzato da un professionista riconosciuto dell’impermeabilizzazione
  2. dovrebbe essere realizzato tenendo conto dei rischi e dell’esposizione all’acqua in pressione a lungo termine
  3. deve essere comprensibile e applicato da applicatori specializzati e qualificati nel rispetto di quanto definito a progetto
  4. deve prevedere materiali adatti allo scopo (ovvero impermeabilizzazione e protezione delle strutture interrate)

E’ evidente, da questi brevi stralci, come questa norma rappresenti un approccio corretto e professionale  che, se ben applicato, diventa un modello operativo vincente in tutte le sue fasi dalla progettazione all’esecuzione dell’opera e al conseguente rilascio dell’assicurazione.

Prodotti associati all'articolo

Amphibia 3000

AMPHIBIA 3000 è una membrana impermeabile in epdm, reattiva al contatto con l’acqua, autoriparante ed autosigillante.

Amphibia 3000 Grip

AMPHIBIA 3000 GRIP è una membrana impermeabile in epdm, reattiva al contatto con l’acqua, autoriparante, autosigillante e autoagganciante al calcestruzzo.

Gli altri articoli correlati

Progettazione

Il consumo di suolo è inarrestabile

E’ un dato di fatto, il consumo di suolo è inarrestabile e nemmeno lo stop imposto dalla pandemia è riuscito a fermarlo […]

1'30"
Progettazione

Stilata la graduatoria dei progetti ammessi al finanziamento da 3,2 miliardi di euro

Sono 271 i progetti presentati da Regioni, Comuni e Città Metropolitane, ammessi al finanziamento del Programma nazionale […]

1'30"
Riqualificazione, Ispirazioni, Case History

A Marsaskala una villa ottocentesca diventa un boutique hotel

Recente intervento d’impermeabilizzazione e risanamento di una costruzione che fa parte dei più antichi insediamenti del “Villaggio di Marsaskala” nel Sud di Malta […]

1'15"
Ispirazioni

Shaaran Resort, un resort nella pietra

Il nuovo concetto di design di Jean Nouvel rivela una nuova era dell’architettura: un resort di “prima classe”, il primo al mondo, costruito sulle montagne della Riserva Naturale Sharaan ad Al-Ula. […]

1'
Ispirazioni

L’incredibile Montreal sotterranea

Una rete di tunnel sotterranei di 3,6 milioni di metri quadrati di superficie con oltre 155 porte, 1.615 alloggi e 10.000 parcheggi coperti a due passi dalle gallerie […]

1'
Contattaci su WhatsApp Contattaci via CHAT Chiedi una consulenza