Torna al blog

Come trattare la fossa ascensore

1'

La fossa ascensore è un locale tecnico, nel dettaglio consiste nello spazio inferiore del vano corsa che consente l’extracorsa dell’ascensore, che è soggetto a continue sollecitazioni dinamiche. 

Le fosse degli ascensori sono solitamente situate nella parte più bassa della struttura portante, in corrispondenza di scantinati e garages, hanno una profondità che varia da 0.50 m fino a 2.5 m circa e sono spesso soggette a problematiche dovute a infiltrazioni di varie tipologie, sovente riconducibili a un’errata progettazione. Può accadere quindi che, a seguito dell’innalzamento della falda, la scarsa attenzione prestata al fattore impermeabilizzazione della struttura in fase progettuale permetta all’acqua di infiltrarsi e creare non solo spiacevoli disagi, ma vere e proprie problematiche. All’interno delle fosse, infatti, sono collocati tutti gli elementi meccanici utili al funzionamento dell’ascensore, come guide, vasca recupera-olio e simili che, se immersi in acqua, possono portare a un blocco nell’utilizzo dell’ascensore stesso.

Le problematiche che si incontrano più frequentemente in questo ambito sono:

  • Vespai
  • Riprese di getto
  • Distanziatori non curati
  • Problematiche nel getto di platea

L’azione combinata, di elementi impermeabili per il trattamento dei giunti e delle fessure, composta da un nastro elastico a base di polimeri elastomerici e da un adesivo epossidico bicomponente permette di risolvere in maniera rapida e puntuale l’errata o mancata impermeabilizzazione, anche in presenza di falda.

E’ possibile proseguire con l’applicazione di un rivestimento impermeabile ad elevata elasticità e versatilità di impiego che permetterà di completare l’opera di impermeabilizzazione, con totale certezza di tenuta anche in presenza di controspinta idraulica appunto.

Prodotti associati all'articolo

I-Plug

Malta ultrarapida impermeabile.

Plastivo 180

Impermeabilizzante flessibile bicomponente.

Akti-Vo 201

Mastice idroespansivo di gomma sintetica.

Bi Flex System

Nastro elastico a base di polimeri TPE e adesivo epossidico per l’incollaggio.

Gli altri articoli correlati

Progettazione

Il consumo di suolo è inarrestabile

E’ un dato di fatto, il consumo di suolo è inarrestabile e nemmeno lo stop imposto dalla pandemia è riuscito a fermarlo […]

1'30"
Progettazione

Stilata la graduatoria dei progetti ammessi al finanziamento da 3,2 miliardi di euro

Sono 271 i progetti presentati da Regioni, Comuni e Città Metropolitane, ammessi al finanziamento del Programma nazionale […]

1'30"
Riqualificazione, Ispirazioni, Case History

A Marsaskala una villa ottocentesca diventa un boutique hotel

Recente intervento d’impermeabilizzazione e risanamento di una costruzione che fa parte dei più antichi insediamenti del “Villaggio di Marsaskala” nel Sud di Malta […]

1'15"
Ispirazioni

Shaaran Resort, un resort nella pietra

Il nuovo concetto di design di Jean Nouvel rivela una nuova era dell’architettura: un resort di “prima classe”, il primo al mondo, costruito sulle montagne della Riserva Naturale Sharaan ad Al-Ula. […]

1'
Ispirazioni

L’incredibile Montreal sotterranea

Una rete di tunnel sotterranei di 3,6 milioni di metri quadrati di superficie con oltre 155 porte, 1.615 alloggi e 10.000 parcheggi coperti a due passi dalle gallerie […]

1'
Contattaci su WhatsApp Contattaci via CHAT Chiedi una consulenza