Torna al blog

In Giappone, sotto l’area metropolitana di Tokyo…

1'

…il più grande sistema sotterraneo del mondo per il controllo delle inondazioni!

Tokyo sorge su un’area situata al di sotto del livello del mare, in una pianura attraversata da numerosi sistemi fluviali, e da sempre deve affrontare il grosso problema delle alluvioni che si verificano durante la stagione delle piogge e dei tifoni.

Si è pensato così di realizzare un grande sistema sotterraneo per proteggere la più grande metropoli del mondo.

Un’opera d’ingegneria moderna davvero eccezionale: un progetto ambizioso, situato a circa 32 km dal centro di Tokyo, iniziato nel 1992 e terminato nel 2006.

Ufficialmente chiamato “Metropolitan Area Outer Underground Discharge Channel“, oppure G-Cans Project, è un immenso tunnel sotterraneo per il controllo delle inondazioni.

Da cosa è composto?

Un sistema di gallerie in cemento armato posizionato a 50 m di profondità, che si compone di cinque silos di contenimento in cemento, alti 65 metri e con un diametro di 32 metri, collegati da oltre 6 km di gallerie.

A completare l’opera un grande serbatoio di accumulo d’acqua, detto il “Tempio sotterraneo”, alto 25 metri per 177 m di lunghezza e 78 m di larghezza, sostenuto da 59 massicci pilastri collegati a una serie di pompe da 10 MW, capaci di pompare fuori fino a 200 tonnellate di acqua.

cattedrale tokyo

Ciascuno dei silos, collocato vicino a un fiume diverso, nel momento in cui si verifica un’esondazione, assorbe l’acqua in eccesso (che diversamente inonderebbe tutta l’area circostante) e la incanala nei tunnel sotterranei fino al “Tempio”, il serbatoio di stoccaggio dove viene trattenuta fino a quando il livello dell’acqua nei fiumi inizia a scendere.

Successivamente, una volta rientrata l’emergenza, l’acqua viene pompata nel fiume Edogawa.

G-CANS rappresenta indubbiamente un capolavoro d’ingegneria davvero di enorme impatto, uno dei più ambiziosi sistemi di controllo delle inondazioni mai progettati e, si pensi, che è completamente invisibile agli occhi degli abitanti di Tokyo, a conferma di quanto l’ambiente interrato, in mancanza di spazio, diventi l’unica soluzione praticabile.

Un’opera ingegnosa, che ha assunto una notevole connotazione anche a livello turistico.

Le sue sembianze, infatti, che ricordano un’immensa cattedrale ultramoderna dagli spazi sconfinati, l’hanno consacrata come vera e propria attrazione turistica e come originale location per film, spettacoli e altro.

cattedrale tokyo bis

Prodotti associati all'articolo

Amphibia 3000

AMPHIBIA 3000 è una membrana impermeabile in epdm, reattiva al contatto con l’acqua, autoriparante ed autosigillante.

Amphibia 3000 Grip

AMPHIBIA 3000 GRIP è una membrana impermeabile in epdm, reattiva al contatto con l’acqua, autoriparante, autosigillante e autoagganciante al calcestruzzo.

Bi Mortar Concrete Seal

Impermeabilizzante cementizio a cristallizzazione.

Bi Mortar Plaster Seal

Intonaco impermeabile a spessore fibrorinforzato.

Bi Mortar Raso Seal

Rasante fibrorinforzato con funzione impermeabile.

Bi Mortar SL

Betoncino impermeabile a ritiro controllato.

Bi Flex System

Nastro elastico a base di polimeri TPE e adesivo epossidico per l’incollaggio.

Plastivo 180

Impermeabilizzante flessibile bicomponente.

Plastivo 250

Impermeabilizzante elastico bicomponente.

Gli altri articoli correlati

Progettazione

Il consumo di suolo è inarrestabile

E’ un dato di fatto, il consumo di suolo è inarrestabile e nemmeno lo stop imposto dalla pandemia è riuscito a fermarlo […]

1'30"
Progettazione

Stilata la graduatoria dei progetti ammessi al finanziamento da 3,2 miliardi di euro

Sono 271 i progetti presentati da Regioni, Comuni e Città Metropolitane, ammessi al finanziamento del Programma nazionale […]

1'30"
Riqualificazione, Ispirazioni, Case History

A Marsaskala una villa ottocentesca diventa un boutique hotel

Recente intervento d’impermeabilizzazione e risanamento di una costruzione che fa parte dei più antichi insediamenti del “Villaggio di Marsaskala” nel Sud di Malta […]

1'15"
Ispirazioni

Shaaran Resort, un resort nella pietra

Il nuovo concetto di design di Jean Nouvel rivela una nuova era dell’architettura: un resort di “prima classe”, il primo al mondo, costruito sulle montagne della Riserva Naturale Sharaan ad Al-Ula. […]

1'
Ispirazioni

L’incredibile Montreal sotterranea

Una rete di tunnel sotterranei di 3,6 milioni di metri quadrati di superficie con oltre 155 porte, 1.615 alloggi e 10.000 parcheggi coperti a due passi dalle gallerie […]

1'
Contattaci su WhatsApp Contattaci via CHAT Chiedi una consulenza