Torna al blog

Ristrutturare casa: attenzione alle opere e alla burocrazia

2'

Quando si parla di ristrutturazione di un edificio si fa riferimento a quanto stabilito dall’art. 3, comma 1, lettera d, del D.P.R. 6 giugno 2001 n. 380 ovvero il Testo Unico dell’Edilizia che recita: “ai fini del presente testo unico si intendono per interventi di ristrutturazione edilizia, gli interventi rivolti a trasformare gli organismi edilizi mediante un insieme sistematico di opere che possono portare ad un organismo edilizio in tutto o in parte diverso dal precedente. Tali interventi comprendono il ripristino o la sostituzione di alcuni elementi costitutivi dell’edificio, l’eliminazione, la modifica e l’inserimento di nuovi elementi ed impianti”.

Gli interventi possono essere di diversi tipi e non tutti sono riconducibili a una ristrutturazione.

E’ necessario, quindi, fare una distinzione delle opere: la manutenzione ordinaria o straordinaria, ad esempio, ovvero gli interventi di restauro non possono essere considerati interventi di ristrutturazione.

Conoscerne le differenze è importante anche ai fini della richiesta dei bonus casa perché gli interventi di ristrutturazione possono beneficiare dei bonus per le ristrutturazioni edilizie previsti nel 2020.

Tali agevolazioni, disciplinate dall’art. 16-bis del Dpr 917/86, spettano ai proprietari o ai titolari di diritti reali sugli immobili per i quali si effettuano i lavori e che ne sostengono le spese, nonché agli inquilini o ai comodatari.

L’abbattimento IRPEF previsto è pari al 50% delle spese (bonifici realizzati) fino al 31 dicembre 2020, con un tetto massimo pari a 96.000 euro per ogni immobile.

In linea generale, comunque, si parla di ristrutturazione quando gli interventi e le opere da realizzare si pongono l’obiettivo di trasformare edifici già esistenti attraverso interventi di modifica o di sostituzione di elementi già presenti.

Sono inclusi nella ristrutturazione:

  • il ripristino o la sostituzione di alcuni elementi costitutivi dell’edificio;
  • l’eliminazione, la modifica e l’inserimento di nuovi elementi e impianti;
  • la demolizione e ricostruzione con la stessa volumetria dell’immobile preesistente;
  • il cambiamento di prospetti dell’immobile;
  • il frazionamento dell’edificio;
  • la sostituzione di superficie accessoria trasformata in superficie utile;
  • il cambio di destinazione d’uso.

E’ bene precisare che gli immobili sottoposti a vincoli ai sensi del decreto legislativo 22 gennaio 2004, n. 42 e successive modificazioni, gli interventi di demolizione e ricostruzione e gli interventi di ripristino di edifici crollati o demoliti rientrano negli interventi di ristrutturazione edilizia solamente se viene mantenuta la medesima sagoma dell’edificio preesistente.

In via preliminare, prima di effettuare un qualsiasi intervento, è necessario rivolgersi all’Ufficio Tecnico del Comune interessato e, qualora l’immobile sia vincolato, anche alla Sopraintendenza per richiedere informazioni dettagliate e capire quali siano nel dettaglio le regole da seguire.

I costi

Parlare dei costi delle ristrutturazioni in termini generici è difficile perché la spesa al mq dipende da vari elementi, le variabili da considerare sono molte: la località, la tipologia di casa, quanto la casa è datata, quanti lavori ci sono da fare (impianti elettrici, termici, serramenti, …), i materiali che vogliamo utilizzare, insomma più interventi ci sono da realizzare e più qualità si cerca, maggiormente i costi lievitano.

La conformità

Una cosa, però, è certa: una ristrutturazione deve essere effettuata secondo regole precise che vanno applicate dall’impresa edile incaricata di eseguire i lavori e che servono al cliente per verificare che le opere siano realizzate secondo quanto precedentemente stabilito.

Ciò comporta che la stessa è tenuta a fornire specifiche garanzie ex art. 1667 del Codice Civile che disciplina l’obbligo dell’impresa di garantire la conformità dell’opera eseguita, fatti salvi quegli interventi che potrebbero presentare vizi per i quali il cliente ha accettato l’eventuale difformità.

Un intervento di ristrutturazione fatto a regola d’arte può davvero fare miracoli e aumentare notevolmente il valore di un immobile, è bene pertanto rivolgersi a un professionista, architetto, geometra o ingegnere, che saprà consigliarvi nel migliore dei modi in merito agli interventi da eseguire occupandosi anche della parte burocratica.

Prodotti associati all'articolo

Amphibia 3000 Grip

AMPHIBIA 3000 GRIP è una membrana impermeabile in epdm, reattiva al contatto con l’acqua, autoriparante, autosigillante e autoagganciante al calcestruzzo.

Bi Mortar Plaster Seal

Intonaco impermeabile a spessore fibrorinforzato.

Triplezero

Emulsione cremosa superidrofobica antiumidità per iniezione.

Gli altri articoli correlati

Riqualificazione, Normative

Prende il via il progetto di rigenerazione urbana

Stanziati 8,5 miliardi di euro per migliorare la qualità del decoro urbano, per ridurre i fenomeni di marginalizzazione e degrado sociale nei nostri comuni […]

1'30"
Riqualificazione, Normative

Decreto per nuovi progetti: qualità dell’abitare

Grazie al decreto ministeriale verranno assegnati 853,81 milioni di euro per gli interventi atti a riqualificare il patrimonio residenziale pubblico […]

1'15"
Riqualificazione, Normative

In vista interventi per il rilancio del settore edilizio

Uno snellimento della normativa edilizia che faciliti gli interventi incentivati dal Superbonus 110% […]

1'
Riqualificazione, Normative

Fine della prima fase del progetto “qualità dell’abitare”

Si è conclusa la prima fase del bando sulla rigenerazione urbana per accedere ai finanziamenti stanziati dal governo […]

1'15''
Riqualificazione, Normative

Recupero e riqualificazione degli edifici dismessi

Sostenere il turismo con lo sviluppo di nuovi investimenti e valorizzare il sistema di ricettività e ospitalità […]

1'
Contattaci su WhatsApp Contattaci via CHAT Chiedi una consulenza